Amico Libro, visita guidata alla scoperta del Palazzo dei Supremi Magistrati

Lunedì 13 dicembre alle ore 10.50, l’associazione Amico Libro propone la visita guidata speciale alla scoperta del Palazzo dei Supremi Magistrati, con la guida della dottoressa Anna Ursino, responsabile bibliotecaria. L’ingresso al palazzo è gratuito, la visita guidata costa € 6,00.

Per chi lo desidera, si propone la possibilità di un pranzo conviviale presso la trattoria Caprese (piazza Savoia angolo via del Carmine): il menù fisso è di € 11,00, il menu light è di € 9,00 da pagare individualmente in loco.

Prenotazione obbligatoria, per garantire il rispetto di tutte le disposizioni sanitarie, il numero dei partecipanti sarà adeguato agli spazi disponibili.

 

Chiamata anche Palazzo dei Supremi Magistrati, la Curia Maxima di Torino era la sede del Regio Senato e della Camera dei Conti. L’edificio fu costruito da Filippo Juvarra nel 1700, per volere di Amedeo Vittorio II, in seguito vennero effettuati altri lavori da Benedetto Alfieri, ed infine fu terminato da Ignazio Michela nel 1838. Il Regio Senato fu il massimo grado di giurisdizione del regno sabaudo: i giudici emettevano sentenze inappellabili e vincolanti, che costituivano fonte di diritto, mentre la Camera dei conti sovrintendeva le cause legate al demanio ed al patrimonio regio, ed era competente per tutte le questioni economiche e fiscali dell’ordinamento.

Il Palazzo della Curia Maxima ospitava le aule del tribunale, gli uffici, le abitazioni del boia e anche la forca, utilizzata per giustiziare i condannati alla pena capitale, che veniva tenuta nei sotterranei e montata al momento delle esecuzioni, per poi essere smontata e rimessa a posto. Sempre nei sotterranei, avevano sede le antiche prigioni.

Il Palazzo, nell’isolato compreso fra le vie Corte d’Appello, San Domenico, delle Orfane e Sant’Agostino, venne lievemente danneggiato dai bombardamenti del 1942, ma venne in seguito ristrutturato, ultimando le riparazioni nel 1944. Si narra che a seguito dei bombardamenti si udirono dei lamenti sotto le macerie e così si scavò per cercare chi potesse essere: nessuno venne trovato e i lamenti subito dopo cessarono. Resta dunque uno dei tanti misteri legati ai sotterranei di questo edificio.

Top
Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi