Santa Croce Onlus, case accoglienza per detenuti e indigenti: vitto, alloggio e dignità

Sono tre le comunità alloggio gestite dall’associazione Santa Croce Onlus, una casa maschile a Candia Canavese attualmente con otto ospiti e due appartamenti a Montanaro: in uno ci sono due donne, nell’altro alloggia una famiglia. L’associazione si ispira ai principi di solidarietà sociale e accoglie detenuti, ex-detenuti, indigenti e adulti in difficolta: “Questa associazione mi è stata indicata dal buon Dio, accogliamo fraternamente – spiega Vincenzo Di Mauro, fondatore e presidente – quei detenuti che, pur avendo maturato la possibilità di usufruire di forme alternative alla detenzione, erano costretti a restare in carcere per mancanza di una casa in cui andare. Diamo vitto, alloggio, indumenti, pulizia, quello che serve per ritrovare la dignità personale e per aiutare queste persone a reinserirsi nella famiglia e nella società”.

“I nostri ospiti – continua Di Mauro – arrivano dalle carceri, consigliati da assistenti sociali, educatori e anche dal Garante dei diritti dei detenuti di Ivrea. Anch’io sono volontario nelle carceri e ho tanti contatti. Accogliamo chi è in arresto o detenzione domiciliare, o in affidamento ai servizi sociali, ma non ha la possibilità di andare a casa, per qualche giorno o anche per periodi più lunghi: un signore della Repubblica Ceca è con noi da due anni, attualmente abbiamo anche un palestinese, un egiziano e un rumeno. Nella casa femminile abbiamo una signora nigeriana e una italiana che si sta sistemando, speriamo che trovi un lavoro definitivo. Aspettiamo tre detenuti dal carcere Ivrea e una signora malata che ha bisogno di tranquillità”.

Sono tantissime le persone che l’associazione Santa Croce Onlus ha aiutato negli anni: “Dal 2008 a oggi ne abbiamo accolti 470. Di questo ne abbiamo ritrovati in carcere solo 7/8 in carcere, mentre 4/5 sono scappati. Vanno e vengono tante persone, noi le accogliamo tutte, qualsiasi sia il loro credo. Tanti tornano per ringraziarci, fermarsi a pranzo con noi, portarci un piccolo aiuto. Qualche giorno fa ho incontrato un ragazzo italiano, io non l’ho riconosciuto ma lui mi ha abbracciato, è stata una cosa stupenda, emozionante. Questo mi fa continuare a combattere giorno per giorno”.

Il problema principale per il reinserimento in società degli ex detenuti è legato al lavoro. “Noi facciamo – continua Vincenzo Di Mauro – qualche attività di agricoltura per autoproduzione, poi siamo sempre disponibili per traslochi, trasporti, manutenzione aree verdi, piccole attività. Raccogliamo indumenti e donazioni, svuotiamo qualche cantina, ci regalano mobili e stoviglie, con le cose che raccogliamo e aggiustiamo facciamo un mercatino a Montanaro. Purtroppo non abbiamo la possibilità di dare un vero lavoro, teniamo contatti con le agenzie di collocamento e qualcuno lo abbiamo sistemato. Sarebbe bello avere un aiuto su questo tipo di attività”.

Far tornare i conti è un problema sempre aperto: “Noi non riceviamo aiuti pubblici, ma abbiamo spese per 70mila euro all’anno, tra bollette e generi di prima necessità. Ora viviamo grazie alla vendita di un alloggio che abbiamo avuto in donazione a Revello, ma abbiamo il sostegno della Caritas, raccogliamo alimenti dal Gigante di Chivasso e dal Lidl di Strambino, volontari e amici ci danno una mano quando possono. Anche la comunità locale, che all’inizio non ci vedeva di buon occhio, ci aiuta. Ne approfitto per invitare nelle nostre case chiunque voglia conoscerci e vedere come viviamo, venite a pranzo e fermatevi quanto volete: i nostri benefattori devono vedere dove vanno a finire i loro soldi”.

Anche nel periodo del lockdown, l’attività dell’associazione Santa Croce Onlus non si è fermata: “Oltre a provvedere ai nostri ospiti – conclude Vincenzo Di Mauro – abbiamo distribuito due tonnellate di alimenti a 25 nuclei famigliari della zona. Qualcuno lo aiutiamo ancora, altri hanno ripreso a lavorare e, quando non hanno più bisogno, vanno avanti da soli. Anzi magari passano a trovarci e ci portano quello che riescono”.

Top
Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi