Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

I sabati di AAPRA Onlus – L’ipnosi può ridurre il dolore cronico del 50-70%

25 Gennaio h 09:30 - 11:00

Contro il dolore acuto e il dolore cronico, intermittente ed invalidante, combattono quotidianamente gli ammalati reumatici attraverso la terapia farmacologica e la riabilitazione fisica. Da una indagine condotta da ANMAR Onlus – Associazione Nazionale Malati Reumatici, 4 pazienti su 10 rinunciano al lavoro a causa del dolore, 3 su 10 sono costretti a richiedere al datore di ridurre l’orario di lavoro. Da un’ulteriore indagine è emerso che chi riporta un livello di dolore più elevato nella scala del dolore ha ricevuto una diagnosi tardiva. 

Sul piano del dolore fisico, il percorso psicoterapeutico con l’apporto dell’ipnosi nel paziente reumatico ha dimostrato di apportare benefici importanti sulla qualità della sua vita. Tali benefici sono stati dimostrati a livello clinico: l’ipnosi è in grado di ridurre il dolore cronico del 50-70% e mette il paziente nelle condizioni di gestire l’ansia da dolore attraverso il rilassamento. 

Il percorso psicoterapeutico con l’apporto dell’ipnosi nel paziente reumatico verrà spiegato ed approfondito dalla dottoressa Maria Angela Zenari, psicoterapeuta e ipnoterapeuta nel primo della serie di incontri organizzati da AAPRA Onlus – Associazione Ammalati Pazienti Reumatici Autoimmuni, per “I Sabati di AAPRA Onlus”. L’incontro è intitolato “L’ipnosi Ericksoniana: come usare le proprie risorse per gestire il dolore derivante dalle patologie reumatiche” ed è fissato per sabato 25 gennaio, nella Sala A del Centro di Incontro di via Lessona 1/E , alle ore 9,30, in collaborazione con la Circoscrizione 4. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti (Segreteria: segreteria@aapra-onlus.it, 331.2867028).

Lo psichiatra e ipnoterapeuta Milton H. Erickson (1901-1980) rivoluzionò la prassi dell’ipnosi come approccio terapeutico.Il lavoro di Erickson è stato caratterizzato da una notevole capacità di entrare in relazione con i pazienti e con il loro inconscio, come aspetti salienti del processo terapeutico, dando origine ad una modalità nuova di fare ipnosi, chiamata ipnosi ericksoniana. Attraverso  il dialogo  l’ipnoterapeuta  induce nella persona una leggera  trance ipnotica, cioè uno stato mentale in cui l’attenzione dell’individuo è focalizzata su processi interni. 
Erickson credeva che “ognuno avesse una propria realtà autocostruita, e che entrare dentro e modificare le percezioni del paziente, parlando con l’inconscio, fosse l’unico modo di cambiarla”.
«L’ipnosi Ericksonianasi distingue dalle altre forme di ipnosi perché è delicata ed è rispettosa della persona, la quale richiede ed accetta per sua volontà l’utilizzo di queste tecniche e non è dunque obbligata – spiega la dottoressa Maria Angela Zenari–. In questa pratica viene utilizzata la parola e la relazione ipnoterapeuta-persona per fare emergere le risorse che la stessa non sa di avere per risolvere i problemi del vivere quotidianoo della malattia. Nel caso del paziente con patologie reumatiche l’ipnosi agisce su vari piani: nella gestione dell’ansia da dolore attraverso il rilassamento, e nella gestione del dolore cronico, sintomo intermittente e altamente invalidante contro il quale il malato reumatico combatte costantemente. Gli studi hanno dimostrato una efficacia dell’ipnosi nel ridurre il dolore cronico dal 50 al 70%».

Significativi risultati sono stati già dimostrati anche in sala operatoria quando il medico anestesista, in alcuni casi specifici, pratica l’anestesia in ipnosi, in pazienti che necessitano di un intervento chirurgico. Il tutto con l’ausilio della parola e la stimolazione delle potenzialità inconsce di attivare uno stato di rilassamento, benessere e analgesia ipnotica. «Anche per le donne incinte l’ipnosi, nei casi che ho trattato, risulta uno strumento efficace per gestire i dolori del parto – aggiunge la dottoressa Zenari-, mentre per i pazienti oncologici l’ipnosi risulta di grande aiuto sia nel ridurre i sintomi della chemioterapia sia nella gestione del vissuto emotivo».  
Oggi si  riscontrano risultati soddisfacenti anche nella gestione del dolore cronico per i pazienti con patologie reumatiche. «Il percorso ipnotico è una sorta di “ponte terapeutico” che l’ipnoterapeuta costruisce insieme alla persona che accetta di farlo – conclude la dottoressa Maria Angela Zenari-. In questo percorso il paziente impara a scoprire e a conoscere le sue risorse e, attraverso le stesse, ad affrontare il problema (gestire i sintomi della malattia) attraverso l’autoipnosi. In questo modo il fatto di poter gestire il dolore con l’ausilio della terapia della medicina tradizionale e la pratica dell’ipnosi permette al paziente reumatico di riprendersi finalmente la libertà della sua vita e di riscoprirne i molteplici colori».

AAPRA Onlus – Associazione Ammalati Pazienti Reumatici Autoimmuni è federata ad ANMAR Onlus – Associazione Nazionale Malati Reumatici, organizzazione nazionale presente in 20 regioni d’Italia. 
AAPRA Onlus agisce sul territorio afferendosi alle strutture ospedaliere e territoriali. Si prefigge di raccogliere tutti i malati e i pazienti che sentono la necessità di sentirsi rappresentati, a vari livelli istituzionali e di cura, promuovendo tavoli “permanenti” di confronto tra le istituzioni, gli operatori sanitari e l’Associazione, quindi i pazienti. 
I suoi punti di azione sono molteplici, a partire dalla collaborazione sinergica con altre associazioni di malati reumatici.
Che cosa sono le malattie reumatiche: sono condizioni patologiche che determinano disturbi a carico dell’apparato locomotore e dei tessuti connettivali dell’organismo. Sono affezioni tra loro differenti, con complessità dissimile. Alcune possono colpire non solo l’apparato osteoarticolare ma anche tendini e altri tessuti, sviluppando una situazione sistemica, implicando organi come cuore, polmone, rene, muscoli, intestino, occhio, derma eccetera. Molte di queste patologie sono rilevanti e si accompagno, oltre che con il dolore, anche con la disabilità, la perdita di autonomia funzionale, la pessima qualità della vita e la capacità di guadagno, sviluppando difficoltà psicologiche sia di accettazione della malattia che di tipo relazionale. 
Esempi di alcune malattie definite reumatiche a base autoimmune: Artrite reumatoide, Artropatia psoriasica, Spondilite Anchilosante, LES, Sclerodermia.

Dettagli

Data:
25 Gennaio
Ora:
09:30 - 11:00
Categorie Evento:
,

Organizzatore

AAPRA Onlus
Telefono:
331/2867028
Email:
segreteria@aapra-onlus.it
Sito web:
www.apra-onlus.it

Luogo

Centro di incontro della Circoscrizione 4
via Lessona, 1
Torino, Italia
+ Google Maps
Top
Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi